<!-- --><style type="text/css">@import url(https://www.blogger.com/static/v1/v-css/navbar/3334278262-classic.css); div.b-mobile {display:none;} </style> </head><body><script type="text/javascript"> function setAttributeOnload(object, attribute, val) { if(window.addEventListener) { window.addEventListener('load', function(){ object[attribute] = val; }, false); } else { window.attachEvent('onload', function(){ object[attribute] = val; }); } } </script> <div id="navbar-iframe-container"></div> <script type="text/javascript" src="https://apis.google.com/js/plusone.js"></script> <script type="text/javascript"> gapi.load("gapi.iframes:gapi.iframes.style.bubble", function() { if (gapi.iframes && gapi.iframes.getContext) { gapi.iframes.getContext().openChild({ url: 'https://www.blogger.com/navbar.g?targetBlogID\x3d16069060\x26blogName\x3dThe+Rocksuckers\x26publishMode\x3dPUBLISH_MODE_BLOGSPOT\x26navbarType\x3dBLACK\x26layoutType\x3dCLASSIC\x26searchRoot\x3dhttp://therocksuckers.blogspot.com/search\x26blogLocale\x3dit_IT\x26v\x3d2\x26homepageUrl\x3dhttp://therocksuckers.blogspot.com/\x26vt\x3d-179278123848654365', where: document.getElementById("navbar-iframe-container"), id: "navbar-iframe" }); } }); </script> <body>

lunedì, dicembre 03, 2007
Ancora su In Rainbows...


Alla fine di tutto il putiferio mediatico suscitato da "In Rainbows", l'ultima parola spetta comunque ai diretti interessati. Ed è proprio Thom Yorke a spiegare, con un'intervista rilasciata a Repubblica, il vero scopo della clamorosa operazione:

"Abbiamo dimostrato che non c'è bisogno di tutte queste infrastrutture per far arrivare la musica alla gente. Il processo industriale serve solo a sottrarre guadagni agli artisti e a rendere il disco sempre più costoso. Un tempo l'industria lavorava per far conoscere i giovani artisti, oggi invece le major tendono a eliminare chi non ha un riscontro commerciale immediato."

Qualcuno potrà affermare che già si sapeva, oppure che nonostante tutto il supporto fisico è necessario e per quello l'industria serve eccome. Inoltre c'è sempre chi considera puro marketing la decisione dei Radiohead. Ma al di là di tutto questo è innegabile una forte presa di posizione, rimarcata in quest'intervista e quindi sempre più sotto gli occhi di tutti. Non ci saranno probabilmente rivoluzioni musicali così evidenti nel breve periodo, eppure a mio avviso lo spartiacque che si è creato si allargherà e col tempo avvertiremo di più il peso di queste dichiarazioni. A meno che naturalmente il mondo discografico non si risvegli dal suo torpore e intraprenda una decisiva svolta intelligente. Ma per il momento è più probabile che il Papa sdogani i preservativi e decida improvvisamente di sposare tutte le coppie gay di questo mondo... cosa che tra l'altro farebbe anche più ridere!

Etichette:

posted by The Rocksuckers at 12:33 PM

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Torna alla Home

WHO WE ARE



FEATURING
  • Dr. Gonzo
  • Ste
  • Cornholio
  • Davidato

CATEGORIES

Reviews
Live reports
Video
Approdondimenti
Sondaggi
Favourite covers
Podcast
Nerd world
Hot
Segnalazioni
Miscellaneous
nostalgia
New trends
That's life

ARCHIVES



BIGLIETTI CONCERTI

SUGGESTED LINKS


BLOGS WE LIKE





TWITTER



OUR BLIP.FM


RS ON FB


PODCAST

Image Hosted by ImageShack.us


FLICKR

www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from therocksuckers. Make your own badge here.


HYPE MACHINE

Hype Machine Music Widget MP3 Blogs